Ingredienti

Ocha il tè verde giapponese

Alga wakame
Con la parola ocha (お茶) si intende il tè verde giapponese, anche se per indicare il tè verde la parola giusta sarebbe ryokucha(緑茶).
Il tè verde fu importato dalla Cina, durante la dinastia Song, da Myōan Eisai, un prete buddista che introdusse anche la scuola di buddismo Zen Rinzai.
Ci sono molti tipi di tè verde, che si differiscono a seconda della coltivazione, le tecniche utilizzate durante la crescita e per la parte della pianta utilizzata alla fine nella lavorazione.
Ci sono molte zone del Giappone in cui si coltiva il tè ma le migliori qualità provengono tutte da Uji nella prefettura di Kyoto, da Shizuoka e da Yame nella prefettura di Fukuoka. Questi sono i più importanti tipi di te del Giappone:

Gyokuro (玉露)

Il nome di questo tè deriva dal colore verde pallido che si ottiene quando lo si mette in infusione. È una pianta che viene fatta crescere in penombra (la piantagione è coperta con canne di bambù o paglia di riso) per gli ultimi 20 giorni, prima della raccolta delle foglie.
Presenta un elevato contenuto di caffeina (0.16% in infusione), il cui assorbimento viene limitato dalla L-Teanina presente in grande quantità.
Si divide in due tipi:
  • Kanro Gyokuro (il più raffinato e costoso dei tè giapponesi)
  • Netto Gyokuro

Matcha (抹茶)

E' sicuramente il tè Giapponese più conosciuto al mondo, del quale si decantano le innumerevoli proprietà benefiche.
Le foglie vengono cotte al vapore, asciugate e sminuzzate in polvere finissima, per poi venire sciolte nell'acqua calda o fredda prima dell'utilizzo.
Viene usato nella cerimonia del tè servito insieme a degli speciali tipi di okashi(dolci) ed è tipicamente utilizzato per la preparazione di molti dolci e gelati tradizionali e moderni.
I migliori tè matcha sul mercato sono l’Uji midori ed il Ajirogi.
Anche il matcha viene fatto crescere all'ombra, come il Gyokuro e ne esistono principalmente due tipi:
  • koicha (spesso) viene da piante di età superiore ai 30 anni
  • usucha (sottile) viene da piante di età inferiore ai 30 anni

Sencha (煎茶)

Le foglie di questo te crescono esposte direttamente alla luce del sole. E' di sicuro il più diffuso tè verde giapponese utilizzato per un consumo casalingo e giornaliero. La qualità Netto Sencha è quella più costosa. Io adoro la versione blend Matcha che è un misto dei due aromi e sapori.
I tipi prinicipali di sencha sono:
  • Fukuyu
  • una varietà di tè che cresce alle falde del monte Fuji ed è ricco di vitamina C
  • Kabusecha (冠茶)
  • Il nome stesso di questo tè signifca che è un tè coperto, infatti cresce in penombra come il Gyokuro, ma il taglio delle foglie è diffrente, viene fatto come per il Sencha
    Ha un gusto morbido ed un colore delicato, rispetto al classico tè Sencha tradizionale.
  • Netto Sencha
  • E' la varietà più costosa e pregiata
  • Shincha
  • Tè nuovo, rappresenta il primo raccolto di Sencha dell'anno che avviene nel mese di aprile
  • Tamaryokucha (玉緑茶)
  • Questo viene chiamato anche Guricha, il nome ha il significato di tè riccioluto, per la forma particolare delle foglie
    Il suo infuso ha un colore verde brillante e quando lo si degusta si può sentire un sottilissimo aroma di noci. E' prodotto nella zona del Kyushu.

Bancha (番茶)

E' un tipo di te che in non contiene molta caffeina ed a differenza di tutti gli altri tè è basico, quindi indicato per i problemi di gastrite. Ne esistono molte varianti;
  • Hōjicha (焙じ茶)
  • E' realizzato dalle foglie più grosse dell'arbusto, ed è appena tostato. Ha un tempo di infusione di 4/5 minuti.
  • Kukicha (茎茶)
  • sono piccolissimi rametti di tè leggermente tostati che per la preparazione richiedono 10 minuti di bollitura.

Genmaicha (玄米茶)

E' un tipo di tè molto particolare, può essere preparato partendo dal Bancha o dal Sencha, aggiungendo al tè del riso o del grano soffiato. Ne deriva un tè meno delicato con un aroma tostato molto presente in bocca.
Molti produttori aggiungono anche un pizzico di Matcha per dargli un aroma intenso.
Contiene poca caffeina ed è un ottimo abbinamento con il cioccolato e con i dolci al cioccolato. E' senza ombra di dubbio il mio tè verde giapponese preferito.

Sanpin

Una varietà di tè originario di Okinawa, non molto diffuso in Giappone

Agari

E' un tipo di tè economico che si ottiene dagli scarti della lavorazione del Gyokuro ed il Sencha. In Giappone viene utilizzato soprattutto per accompagnare il sushi e viene offerto gratutiamente.




Potrebbe interessarti anche...
Daikon
Daikon

Una radice molto usata nella cucina giapponese come condimento o aroma per le insalate, le carni le zuppe ed in molti altri tipi di piatti
Soba
Soba

Un ingrediente molto comune, si tratta di sottili tagliatelle di grano saraceno che si prestano alle più svariate preparazioni culinarie.
Zenzero
Zenzero

Si utilizza in cucina, grattuggiato fresco per cucinare carni e zuppe, oppure affettato e marinato per accompagnare il sushi