Cucina

Il bento

bento
Il bento (お弁当) è un contenitore, vassoio o cestino contenente un pasto completo. Può essere preparato in casa o comprato già pronto al supermercato o in negozi specializzati, frequentati specialmente da chi non ha il tempo di prepararsi da mangiare.
E' un pasto completo preconfezionato che viene consumato solitamente a pranzo. Le scatole classiche da bento, sono dotate di divisori interni per separare ed ordinare i tipi diversi di cibo. Dopo una meticolosa preparazione la scatola da bento viene corredata di bacchette ed avvolta in fogli di carta o pezzi di stoffa, a meno che non si disponga di contenitori specifici da bento che ormai vanno di moda.
Il bento viene sempre confezionato in modo da avere un'estetica piacevole ed accativante, si studiano attenntamente le combinazioni di colore dei cibi e la disposizione, stando attenti a cordinare bene le tovagliette, le bacchette e tutto il contentuto.
Le scatole da bentō possono essere di diversi materiali, forme e dimensioni. Ci sono scatole in in plastica usa e getta, in legno o metallo di ogni fattura. Alcune scatole sono semplici, altre sono delle vere opere d'arte in legni pregiati, laccate e dipinte a mano.
Ci sono quelle con le sezioni thermos, per mantenere caldo il riso o il miso.
Il bento contiene il riso e l'okazu che sarebbero i cibi di accompagnamento al riso, come alcune specialità di pesce, la carne, le verdure cotte o marinate, gli onigiri, la tempura, il tofu ed altri cibi a seconda della stagione.
Di solito nella confezione c'è anche una tazza di tè verde, oppure una zuppa di miso.

Ovunque in Giappone si incontrano negozi e venditori ambulanti che urlano O-bento per le strade, nei mercati o lungo i binari nelle stazioni ferroviarie.
I bento possono essere personalizzati nello stile kyaraben (キャラベン) che significa "bento dei personaggi"). In questi casi il cibo viene disposto in modo da assomigliare ai personaggi degli anime ed i manga più popolari.
Oppure esiste lo stile oekakiben, bentō-ritratto, in cui il cibo assomiglia a persone, animali, edifici, monumenti, paesaggi, fiori o piante particolari.
I bento possono essere talmente elaborati dal punto di vista estetico che si organizzano delle vere e proprie gare.
L'estetica nel bento è fondamentale, deve essere adatto come pranzo per i bambini che vanno a scuola, per gli adulti che lo consumano nella pausa pranzo al lavoro, per i picnic e per le feste.
Ogni bento deve essere comodo da trasportare, bello da vedere e pratico da consumare.

In Giappone il bento assume anche un valore sentimentale, capita spesso anche nei nei manga e negli anime che le ragazze portino all'innamorato un bento preparato con amore. Lo stesso significato asssume il bentō che le mogli preparano al mattino per i mariti che devono andare a lavoro.
Nonostante il Giappones sia pieno di negozi di bento (弁当屋 bentō-ya), stazioni ferroviarie molto fornite e venditori ambulanti, è ancora molto diffusa la tradizione delle massaie giapponesi di impegnare parte del loro tempo per preparare il bento per tutta la famiglia.

La storia del bento
Le origini del bento risalgono al tardo periodo Kamakura (1185-1333), quando fu inventato il riso hoshi-ii (糒 o 干し飯, pasto essiccato). Un tipo diriso che può essere consumato così com'è oppure bollito in acqua. Nel periodo Azuchi-Momoyama (1568-1600) si cominciarono a realizzare scatole di legno dove veniva preparato il bento, per poi consumarlo durante l'hanami o con il tè.
Nel periodo Edo (1603-1867) la cultura del bento si diffuse in tutto il giappone. I viaggiatori ed i turisti portavano con se il koshibentō (腰弁当), un bento da cintura composto da onigiri avvolti in foglie di bambù o piccole scatole di bambù piene di cibo.
Addirittura a teatro la gente portava il bento. Tra un atto e l'altro degli spettacoli di Noh e Kabuki la gente consumava il makuno-uchi bentō ("bento tra gli atti").

Furono stampati molti libri di cucina che spiegavano come preparare dei graziosi bento per le occasioni speciali come l'hanami e l'hinamatsuri.
Nel Il Bento un pranzo completo da asporto tipico del giappone | cucina giapponese venne venduto il primo ekibentō o ekiben (駅弁当 o 駅弁, "bento della stazione dei treni").
Molti rivendicano di essere stati i primi a venderlo ma secondo fonti diffuse il primo bento è stato venduto il 16 giugno 1885 alla stazione di Utsunomiya e conteneva due onigiri ed un piatto di yakuan avvolto in foglie di bambù.

Siccome le scuole giapponesi non provvedevano al pranzo, gli studenti e gli insegnanti usavano portarsi il bento da casa, come i lavoratori. Nacquero anche i bento stile europeo che contenevano al posto delle pietanze tipiche giapponesi, dei panini.

Nel periodo Taishō (1912-1926) divennero popolari le lussuose scatole di bento in alluminio, per la loro praticita e l'aspetto elegante.
Le differenze sociali erano molto diffuse in questo periodo quando la guerra aveva provocato le carestie di cereali nella regione Tohoku. Il bento era diventato per gli studenti un indicatore dello stato sociale. Quelli preparati con cura che contenevano cibi pregiati indicavano una classe agiata mentre quelli meno curati e carenti un scarsità di risorse economiche. Le scuole infatti per prevenire le differenze sociali e la denutrizione degli alunni meno agiati decisero, dopo la seconda guerra mondiale di sostituire la pratica del bento fornendo direttamente cibi a studenti ed insegnanti.

Il bento ritornò popolare negli anni ottanta con l'avvento dei forni a microonde e la diffusione dei convenience stores.
In questo periodo il costo elevato delle scatole in legno e metallo favorì la diffusione di scatole in plastica.
Oggi sta torndo nuovamente popolare nelle scuole giappponesi il bento fatto in casa, Questo bento viene spesso avvolto in stoffa furoshiki che ha la funzione di fare sia da borsa che da tovaglietta sottopiatto

Anche gli aeroporti è ormai possibile mangiare una versione di bento simile all'ekiben delle stazioni dei treni. Sono dei bento con ricette di cucina locale, che possono essere consumati mentre si aspetta l'aereo o durante il volo.

Tipi di bento

  • Makunōchi bentō (幕の内弁当) è uno stile classico di bentō con riso, umeboshi, una fetta di salmone alla griglia, un uovo in camicia, eccetera.
  • Noriben (海苔弁)(bentō d'alghe) è il bentō più semplice, con riso bollito avvolto in alghe nori, imbevute nella salsa di soia.
  • Sake bentō (鮭弁当) (bentō al salmone) è un semplice bentō con salmone alla griglia come piatto base.
  • Shidashi bentō (仕出し弁当) è preparato nei ristoranti e servito durante il pranzo, è spesso mangiato in occasioni speciali come feste o funerali. Solitamente contiene tempura, riso e verdure a fettine. A volte sono disponibili shidashi bentō con cibo europeo.
  • Sushizume (鮨詰め) (sushi impacchettato) è un bentō pieno di sushi.
  • Tori bentō (鳥弁当) (bentō "di volatili") consiste in pezzi di pollo cotto in una salsa servita sopra al riso. Questo bento è originario della prefettura di Gunma.
  • Hinomaru bentō (日の丸弁当) è il nome per un bentō formato da riso bianco con al centro un umeboshi. Il nome deriva da Hinomaru, la bandiera giapponese, che ha lo sfondo bianco con un cerchio rosso al centro.
  • Kamameshi bentō (釜飯弁当) sono venduti alla stazione ferroviaria della prefettura di Nagano. Sono cucinati e serviti in pentolini di metallo, che fungono anche come souvenir.
  • Hokaben (他弁) (altro bentō) si riferisce a tutti i tipi di bento compranti nei negozi. Probabilemnte il termine deriva dal nome di un famoso franchising chiamato "Hokka Hokka Tei"
  • Hayaben (早弁) (bentō-aperitivo) è un bentō da mangiato prima del pranzo, quindi più leggero.
  • Dokaben (ドカベン) è una scatola bentō dedicata a Taro Yamada, il protagonista di un manga sul baseball (Dokaben appunto).
  • Chūka bentō (中華弁当), contiene cibo cinese, nonostante sia un invenzione giapponese.

    Alcuni esempi di bento artistici

    bento art nintendo

    bento art panda

    bento art neko

    bento art kitty

    bento art pinguino





  • comments powered by Disqus