Geografia

I minerali in Giappone

Carbone
Caratteristica del Giappone è la mancanza o la scarsa disponibilità di materie prime di origine locale.
Pur essendo uno dei maggiori produttori mondiali di acciaio, dispone di giacimenti di minerali di ferro che coprono appena l'1,5% del fabbisogno nazionale.
Devono essere importati in larga misura anche i metalli necessari per la fabbricazione degli acciai speciali: il 100% del nichel e del cobalto, più del 50% del manganese.

Il Giappone dispone di considerevoli quantità di carbone da coke, ma più del 40% di questo combustibile deve essere importato. Per quanto riguarda gli idrocarburi, tutto il fabbisogno di petrolio deve essere importato. Anche la metallurgia non ferrosa dipende dalle importazioni (60% del piombo, 90% dello zinco, 50% del rame, 100% della bauxite).

Con lo sviluppo dell'agricoltura, si rende necessaria l'importazione di fosfati per i fertilizzanti. Anche il legname, nonostante la buona dotazione di risorse forestali, viene importato per circa il 44% del suo fabbisogno.

Le riserve carbonifere più consistenti sono situate nell'isola di Hokkaido, dove i centri di estrazione modernamente attrezzati forniscono più del 40% della produzione giapponese.
A sud-ovest di Hokkaido si trovano anche depositi di minerale ad alto contenuto di manganese.
Nell'isola di Honshu vi sono invece ricchi giacimenti di minerali di rame, mentre lo zolfo è spesso presente come prodotto di emissioni vulcaniche.
Il principale campo di gas naturale in produzione si trova a est di Tokyo, mentre il principale giacimento di minerali di ferro viene sfruttato nella miniera di Kaimishi, sulla costa del Pacifico.



Potrebbe interessarti anche...

nihonjapangiappone logo mini
COPYRIGHT 1999-2024 BY
@ MARIO APREA
ALL RIGHT RESERVED
aNEONGENESISweb