Draghi

Draghi giapponese di derivazione cinese

Draghi sino-giapponesi
Una gran parte dei draghi giapponesi deriva da quelli cinesi.
Gli ideogrammi per indicare il drago vengono infatti da quello cinese e possono essere scritte con il kanji kyūjitai tradizionale o con il kanji shinjitai semplificato .
Nella lettura kun'yomi si legge tatsu che è la parola giapponese per indicare il drago, mentre nella lettura on’yomi, si legge ryū o ryō.

Sono moltissimi i draghi giapponesi che sono stati presi dalla cultura cinese, come ad esempio i quattro draghi derivanti da quelli cinesi Si Ling:
Giapponese Cinese Kanji Traduzione
Seiryū Qinglong 青龍 Drago Azzurro
Suzaku Zhuque 朱雀 Uccello Vermiglio
Byakko Baihu 白虎 Tigre bianca
Genbu Xuanwu 玄武 Tartaruga nera

I giapponesi Shiryū (四竜), 4 draghi re sono praticamente i leggendari Longwang (龍王), Re dragoni cinesi, che governano i quattro mari.
Giapponese Cinese Kanji Traduzione
Gōkō Aoguang 敖廣 Re Dragone del Mare dell'Est
Gōkin Aoqin 敖欽 Re Dragone del Mare del Sud
Gōjun Aorun 敖閏 Re Dragone del Mare dell'Ovest
Gōjun Aoshun 敖順 Re Dragone del Mare del Nord

Curiosità

koryu submarine
Alcuni autori distinguono i draghi ryū giapponesi e i draghi long cinesi dal numero di artigli che hanno sui piedi.
In Giappone sono sempre raffigurati con tre artigli, mentre in Cina ne hanno quattro se si tratta di un emblema ordinario e cinque se l'emblema è imperiale.

Durante la seconda guerra mondiale, molti armamenti militari giapponesi vennero chiamati con i nomi di draghi cinesi.
Un sommergibile piccolissimo fu chiamato Kōryū (蛟竜) = jiaolong (蛟龍), drago delle inondazioni, un veicolo kamikaze a razzo veniva invece chiamato Shinryū (神竜) = shenlong (神龍), drago dello spirito.
La 56a divisione dell'esercito imperiale giapponese fu chiamata, Divisione del Drago, e fu per una strana coincidenza, annientata nella città cinese Longling (龍陵) che significa Tomba del drago.



Potrebbe interessarti anche...