Arti Marziali

Armi tradizionali Giapponesi

Armi dei Samurai



Yumi : Arco Giapponese
yumi
Un tipico arco Giapponese è lungo 2,3 metri ed è fatto di bamboo con uno spago di seta e resina di pino. La freccia è fatta sempre di bamboo e penne d'ucello. Il bamboo è il materiale migliore nel regno delle piante per fare archi. Nonostante sia inferiore agli archi di materiali compositi moderni in penetrazione ed accuratezza, l'arco era un'arma mortale. Prima dell'introduzione dei fucili dall' Europa nel diciasettesimo secolo , l'arco era l'arma da lancio più rispetata nel "bushi".
Oggi l'arco Giaponese viene praticato come uno sport simile al tiro con l'arco occidentale e viene chiamato Kyudo (il tao dell'arco).
Yari : Lancia Giapponese
yari
La lancia è un'arma molto semplice, infatti la lancia Giapponese non differisce molto da quelle di altri paesi. Durante la "Guerra Civile Era", la lancia era un'arma standar del "bushi".
Katana: spada Giapponese
katana
Una Katana non è solo un'arma, ma l'anima del "bushi". E' il mezzo più sofisticato per uccidere. Più è bella e più è mortalmente affilata. Le Katana differiscono dalle normali spade nella punta estremamente affilata e la lama leggermente ricurva. La bellezza di una Katana traspare proprio dalla lama e dalla punta. La sua forma elegante e la sua bellezza ha affacinato moltissimi guerrieri.
I "Katanakaji" sono gli artigiani che forgiano le spade (non solo Katana ma anche Wakizaki e altre armi appuntite). Forgiare una Katana è più un arte che una semplice manifattura. Devono scaldare e battere il ferro ripetutamente e con grande passione. Una Katana terminata, ha una struttura stratificata che la fa apparire molto bella quando viene bagnata. La qualità di una Katana dipende da vari fattori, come piccole impurità nell'ferro , la temperatura del fuoco, l'acqua ecc. Per comprendere a pieno la difficoltà nella realizzazione di una Katana, basti pensare che neanche un maestro forgiatore può mantenere un'alta qualità tutte le volte.
Oggi giorno, la legge Giapponese proibisce di avere armi appuntite, incluse le Katana. Tutte le vere Katana devono essere registrate dal governo. Nonostante tutto, i membri dell'yazuka hanno spesso ancora oggi Katana affilate. Esistono anche repliche di Katana senza punta che vengono largamente utilizzate come oggetti di arredo.
Jitte
jitte
Il jitte era una barra di ferro lunga 60cm o più ed era usata dai "Doshin" (i polizziotti dell'epoca Edo). La leggenda dice che veniva usata per rompere le spade, ma la ricerca storica ci insegna che era un tipo di mazza.

Armi dei Ninja



Ninja Sword
I Ninja usavano spade più corte delle normali Katana. Erano chiamate "Ninja-to" (spada del Ninja). Anche se il suo raggio di azione era più corto, era più conveniente quando un Ninja combatteva in spazi ristretti. Il fodero di una spada ninja poteva essere usata come un respiratore che permetteva a un Ninja di nascondersi in acqua per molto tempo. Alcune spade ninja hanno anche un'altra lama nell'impugnatura per giocare l'avversario.
Shuriken
shuriken
La parola Shuriken significa "pugnale nascosto nel palmo", cos“ tutti i pugnali che si potevano nascondere in un palmo venivano definiti con questo nome. Hanno svariate forme e utilizzi: alcune avevano una forma a stella e venivano lanciate facendole rateare, altre erano a punta e lanciati semplicememte come pugnali da lancio. Anche se uno Shuriken poteva a malapena penetrare un'armatura, era un'arma sufficente per un Ninja i cui principali obbiettivi erano persone non corazzate. Inoltre la lama dei Shuriken era spesso ricoperta di veleno per non lasciare scampo alla vittima.
Kunai
kunai
Il Kunai era un arma molto conveniente per i Ninja. Assomigliava alla punta di una lancia con una corta impugnatura lunga circa 30cm. Aveva la funzione di coltello, un GIMLET, di pala, di un piccolo martello e di un pugnale da lancio. Potrebbe essere paragonato con un coltello del esercito odierno per le sue molteplici funzioni. Utilizzato come un'arma da lancio era molto più potente di uno Shuriken, sicchè molti Ninja preferivano i Kunai quando potevano averne con se(un Kunai è più grande e pensante di uno Shuriken e quindi più difficile da nascondere).
Makibishi
makibishi
I Ninja non gradivano combattimenti diretti con il nemico per il rischi ovviamente conessi a quest'ultimi. Il loro lavoro principale era lo spionaggio e non uccidere soldati nemici, cos“ erano particolarme abili nelle fughe. Un Makibishi era un piccolo pezzo di metallo a tre punte e serviva per bucare le suole delle scarpe e ferire i piedi. Quando un Ninja era seguito da un nemico, lanciava diversi Makibishi sul terreno per rallentare o addirittura fermare l'inseguitore. Per il fatto che le scarpe Giapponesi (Zori) a quei tempi erano fatte di paglia, una punta di Makibishi poteva facilmente penetrare le scarpe ed inoltre le punte di un Makibishi erano spesso uncinate per aumentare il dolore causato a un eventauale malcapitato che lo avesse pestato. Alcuni Ninja, per finire, avevano una versione più avanzata di Makibishi che esplodeva quando qualcuno lo pestava chiamato "Bakurai-bishi".
Kusari-Gama
kusari gama
Un Kusari-Gama è un piccolo falcetto attaccato ad una lunga catena. Un Ninja tenendo l'estremo della catena la faceva roteare e colpiva i nemici. Poteva tagliare i nemici o atorcigliarsi intorno agli arti degli avversari. Poteva anche essere usato per disarmare i nemici strappandogli l'arma con la catena. Naturalmente era necessaria molta pratica per sapere usare un'arma del genere, ma il raggio d'azione era molto grande e il nemico aveva poche possibilità di sopravvivenza. La parola Kusari significa catena e gama vuole dire dire falcetto.
Esiste, però, un altro tipo di arma chiamata Manriki-Guasari, molto simile al Kusari-Gama. Alla fine della catena aveva un peso anzichè un falcietto che quindi aveva la funzione di fracassare il corpo del nemico anzichè tagliarlo. Nonostante il peso non fosse molto pesante, si poteva ottenere una grande potenza semplicemente facendolo ascillare ripetutamente.
katane




Potrebbe interessarti anche...

nihonjapangiappone logo mini
COPYRIGHT 1999-2024 BY
@ MARIO APREA
ALL RIGHT RESERVED
aNEONGENESISweb