Letteratura

La letteratura nel periodo Heian

A seguito del trasferimento della sede del governo ad Heian, l'attuale Tokyo, avvenuto alla fine dell'VIII secolo, si sviluppo in Giappone, grazie anche alla creazione dei primi sillabari giapponesi, un nuovo tipo di letteratura che sarebbe stata conosciuta in seguito come letteratura Heian.

Questa nuova letteratura rappresentò un netto cambiamento rispetto a quella più semplice del periodo precedente, andando a ricercare delle forme di empatia ed equilibrio tra la natura e l'uomo.
Si introdusse il concetto di "mono no aware", i sentimenti delle cose, cercando di dare un senso più prodondo alle cose o ai gesti, utilizzando anche una scrittura molto raffinata e poetica.
L'opera che per prima rappresentò questo cambiamento fu Kokinshu, una raccolta di poesie antiche e moderne scritta nel 905.
Il suo principale autore fù Ki-no Tsurayuki un poeta che si fece portatore di questo nuovo tipo di poetica e che ne scrisse anche la prefazione. L'autore morto nel 945, scrisse il famoso Tosa nikki (935), il diario di Tosa, che racconta il suo viaggio dalla provincia di Tosa fino alla grande Kyoto. Questo fu il primo esempio di un genere che divenne importantissimo nella letteratura giapponese agli inizi del X secolo. Una forma di racconto fantastico e di poema narrativo che vide poi la sua opera più importante nel Ise monogatari (980 ca.), i racconti di Ise.
Genji monogatari
Le opere maggiori della letteratura Heian, sono senza ombra di dubbio il "Genji monogatari", la storia del principe splendente, che fù scritta nel 1010 dalla famosissima Murasaki Shikibu ed il "Makura no soshi", racconti del guanciale, scritti da Sei Shonagon.
Furono entrambe scritte da dame di corte tra la fine del X e l'inizio dell'XI secolo.

Nel Genji monogatari, viene descritta in maniera molto dettagliata la vita a corte e la storia del principe Genji, con i suoi amori più importanti ed il presunto figlio Kaoru. Quest'opera di 54 capitoli, scritta da una dama di corte, rapresenta per i critici, il primo romanzo più importante della narrrativa mondiale.