Storia

Storia nel Periodo Heian (794 - 1185)

periodo Heian
Una volta saldamente installato al potere, il clan imperiale fu costretto a cercare al di fuori i principi politici e morali che giustificassero la sua preponderanza politica e le istituzioni che gli consentissero di instaurare nell'arcipelago un'embrionale amministrazione.

A tale duplice scopo si attinse ai classici confuciani e ai sutra (libri canonici) buddhisti; nello stesso tempo furono prese a modello le istituzioni cinesi. Durante sei secoli, periodo in cui veniva introdotto il buddhismo, si compì nell'arcipelago una rivoluzione culturale, politica ed economica, che inserì il Giappone nella sfera di influenza cinese.

Il capo del clan imperiale si convertì al buddhismo e assunse il titolo cinese di imperatore (Tenno): l'antica aristocrazia dei clan alleati al clan imperiale non rinnegò la sua origine "divina", ma rafforzò il suo potere sacrale attraverso i concetti di lealtà e di responsabilità derivanti dal confucianesimo cinese.

L'epoca di Nara, così chiamata dal nome della prima capitale fissa, Nara (costruita nel 710), fu caratterizzata dall'assimilazione della cultura cinese (introduzione della scrittura ideografica, redazione di cronache nazionali Nihongi e di un codice di leggi Taiho, riforma agraria) e dalla preminenza dell'antico clan dei Fujiwara.

Nel 794 con il trasferimento della capitale a Kyoto si aprì la cosiddetta epoca di Heian (antico nome di Kyoto) che durò fino al 1185. Questo periodo fu contrassegnato dalla graduale perdita di influenza del clan Fujiwara, i cui capi avevano esercitato dall'866 all'882 funzioni di reggenti; sul piano religioso si assistette alla trasformazione del buddhismo che si "giapponesizzò" e compenetrò sempre più la vita nazionale. D'altra parte una nuova aristocrazia terriera tese a riunire nelle sue mani le terre che le leggi del VII e dell'VIII sec. modellate su quelle cinesi avevano distribuito tra numerosi piccoli coltivatori.

La nuova classe aristocratica beneficiava di numerose esenzioni fiscali e aveva un carattere militare ben marcato: i suoi membri guerreggiavano continuamente tra di loro e con gli Ainu, che abitavano nella parte settentrionale di Honshu. Verso il 1150 non restavano in lizza che due grandi famiglie, i Taira e i Minamoto.

I Taira divennero abbastanza potenti da estromettere i Fujiwara, dopodichè si scontrarono con i Minamoto, dando inizio a un periodo di aspre lotte che costituì l'età aurea della cavalleria giapponese: la battaglia navale di Dan-noura (1185) consacrò il trionfo della casata dei Minamoto.
dannoura