Storia di arte ed architettura

Pittura ed architettura in Giappone nella storia

Toshogu
Mausoleo Toshogu - Nikko
In tutta la storia giapponese è sempre presente una forte influenza esterna sviluppatasi nei momenti di forte apertura e ridimensionata in queli in cui la nazione si è chiusa in se stessa fino ad isolarsi dal resto del mondo.
In questi momenti la popolazione giapponese è sempre riuscita ad assorbire ed imitare per poi piegare ed adattare al proprio gusto, gli elementi delle altre culture con cui è venuta a contatto.
La cultura che più influenzò la formazione artistica del giappone fu quella cinese, che comincio ad essere messa da parte dal IX secolo, quando la nazione comincio a sviluppare una propria forma di espressione artistica in equilibrio tra le l'arte sacra e quella profana.
Le guerre dell'era Onin (1467-1477) lasciarono il Giappone in una di sociale, economica e politica che durò circa un centennio.
La religione perse importanza in questi peridi di guerra e cambiamenti, oppressa anche dalla dittatura degli shogun Togugawa. Rimasero così in vita soltanto le forme d'arte meno legate alla religione, come ad esempio lo shodo (arte della calligrafia), praticata da moltissimi giapponesi anche in maniera amatoriale.

La scultura invece che da sempre era rimasta ad appannaggio della religione Buddistha, ebbe un declino che segui di pari passo quello religioso.
Si distinse invece in tutto il mondo l'arte della lavorazione della ceramica giapponese per la sua estrema raffinatezza bellezza e raffinatezza, specialmente in alcuni manufatti di terracotta.
L'intera arte giapponese si caratterizza per avere delle dicotomie molto marcate, ad esempio, alcune ceramiche erano elaborate ed esuberanti e ricordavano quelle cinesi ma altre, sobrie ed eleganti, quasi alla ricerca di una bellezza che si poteva trovare solo nella semplicità estetica.
Le stesse differenze le troviamo nell'architettura, ad esempio, due edifici dello stesso periodo possono essere completamente opposti come idea costruttiva.
Villa Imperiale di Katsura
Villa imperiale di Katsura
A Nikko, il Mausoleo Toshogu mostra la sua rigida simmetria, ornata di colorate e vivaci incisioni a rilievo che ricoprono la sua intera superficie mentre la villa imperiale di Katsura a Kyoto, deve la sua belllezza a materiali grezzi naturali e quasi completamente disadorni.
Entrambe le forme forme d'arte, scelgono però di avvalersi di materiali naturali e ricercano un equilibrio tra lo spazio interno e quello esterno degli edifici. Una sorta di armonia che rappresenta poi l'essenza della bellezza.
L'arte giapponese è stata sempre molto apprezzata nel mondo, non solo per la sua differenza estrema dai canoni estetici occidentali ma per quel suo carattere capace di racchiudere sobrietà e vivacità che hanno sempre influenzato la pittura e l'architettura dell'Ottocento ed il Novecento.

Ultimi inseriti
  • Dal 1867 ad oggi
  • Lo sviluppo della pittura e dell'architettura nell'era moderna in Giappone, Le opere di Kenzo e gli altri architetti famosi nel mondo

  • Epoca Edo
  • Le arti pittoriche. l'architettura e la xilografia durante il perido Edo in Giappone

  • Arte Momoyama
  • Arte e architettura nell'epoca Momoyama in Giappone, la scuola di Kano e le opere di Etoku

  • Epoca Muromachi
  • Arte ed architettura nell'epoca Muromachi in Giappone, la svolta elitaria e la stanza del vuoto per la cerimonia del tè

Per gli altri articoli scegli dal menu